Behaviour South Russian Ovcharka



Il pastore della Russia Meridionale è, fondamentalmente, un cane da guardia. Questo significa che, all'interno della proprietà o del territorio in cui vive, si mostra estremamente dominante nei confronti degli altri cani e, soprattutto, degli estranei. Al di fuori della propria famiglia e di pochi altri selezionati amici, il pastore russo si rivelerà aggressivo verso tutti coloro che non l'hanno conosciuto e frequentato fin da piccolo, arrivando, se affrontato nel proprio territorio, fino alla mordacità.
Per questa sua naturale inclinizione all'aggressività, si sconsiglia in modo assoluto di addestrarlo alla difesa tramite i corsi che in molti, ormai, organizzano: il rischio è, infatti, di renderlo talmente dominante da superare e ignorare le gerarchie prendendo il sopravvento non solo sugli estranei ma anche sui propri padroni. E' fondamentale, infatti, che il cucciolo impari la scala sociale della propria famiglia al più presto in modo che capisca rapidamente chi sia il capobranco a cui obbedire e quali gli individui che, come potere gerarchico, stanno sopra di lui. Ed è proprio questo il motivo per cui questa razza non è adatta a tutti: il proprietario deve avere polso nel crescere il cucciolo, deve essere fermo nelle sue decisioni, dolce nelle coccole ma severo nelle punizioni. Se il cane ringhia o cerca di mordere chi non deve, non si deve esitare a punirlo in quanto deve sempre essere chiaro che è il capobranco a prendere le decisioni. Perchè tutto sia più semplice da adulto, è fondamentale che tali insegnamenti vengano impartiti fin da piccoli. Va ricordato, infatti, che tutto ciò che i cuccioli imparano nei loro primi dodici mesi sarà ciò che meglio ricorderanno per tutto il resto della loro vita. Sottoporli, quindi, al maggior numero di stimoli possibile, li renderà più intelligenti e scaltri e, di conseguenza, anche più inclini ad obbedire. A questo proposito, è inutile aspettarsi da un cane di questa razza un'obbedienza simile a quella di altre come il pastore tedesco o il border collie. Il pastore russo è, infatti, molto testardo e pigro nel rispondere agli ordini del padrone. Se stimolato dalla prospettiva di un premio gustoso, può dimostrarsi più incline ad obbedire ma, comunque, sempre con poca intensità. Per insegnare i comandi basilari (risposta al proprio nome, seduto, a terra, etc) si può ricorrere all'uso di biscotti come premi per l'obbedienza ma, fare attenzione a non trasformare il cane in un mercenario. Ogni tanto è bene sostituire il bocconcino a una carezza così che non associ l'azione al cibo. I corsi di obbedienza, a differenza di quelli di difesa, sono ben accetti e, anzi, molto utili per rendere l'animale più malleabile.

Nonostante la sua aggressività naturale, il pastore russo è un cane molto dolce ed affettuoso con i membri della famiglia. Questa sua selettività rende la sua fedeltà esclusiva. L'esperienza affettiva che offre è, però, completamente diversa da quella che si riceve da un cane da compagnia. Il pastore russo non è, infatti, un cane dalle manifestazioni d'amore prolungate o dalle lunghe giornate di coccole ed effusioni. E' una razza molto fiera ed orgogliosa che mostra la sua felicità nell'accogliere il padrone a casa ma che, poi, preferisce trascorrere le proprie giornate in giardino e all'aperto piuttosto che in casa. All'esterno del proprio territorio, inoltre, è un cane affabile e tranquillo che si lascia, di buon grado, accarezzare dagli estranei. Anche per questo, però deve sempre essere abituato fin da piccolo. Ricordare sempre, però, che pur essendo mansueto se portato a passeggio, non esisterà a rispondere se provocato da un cane aggressivo o violento, quindi, per sicurezza, sempre usare i debiti accorgimenti come il guinzaglio e l'attenzione. Infine, è importante che chi decide di legarsi a questa razza, disponga di un giardino in cui il cane possa muoversi liberamente e che gli permetta di "pattugliare" il territorio affidatogli. Più importante ancora, però, è che il nuovo padrone sia in grado di amarlo e rispettarlo perchè ciò che ne avrà in cambio sarà ben superiore a ciò che avrà dato. Ve lo assicuriamo.
Ovviamente, tutte queste informazioni si riferiscono ad un pastore della Russia meridionale "medio". Ogni individuo, come anche tra noi uomini, differisce da un altro e potrebbe, quindi, non ricalcare, a volte anche in maniera marcata, questo profilo. Molto, infatti, dipende, oltre che dall'indole del cane, dal modo e dalla correttezza con cui viene allevato e, di conseguenza, dalla responsabilità dei padroni.
home



Sara Veggi 2010-2013